Prosilas Rapid Prototyping e l' Azienda Ospedali Riuniti Ancona insieme contro il COVID-19.

Prosilas Rapid Prototyping e l' Azienda Ospedali Riuniti Ancona insieme contro il COVID-19.

MARCHE - “Sono contento di aver fatto quello che ho fatto, ma confrontato con ciò di straordinario che compiono i medici, in prima linea per fronte all'emergenza, il mio lavoro è assolutamente nullo, praticamente zero”. Alessio Nerla, 42enne residente a Porto Sant'Elpidio ed ingegnere in un'azienda metalmeccanica di Montegiorgio, si trincera dietro la sua innata modestia dopo che il suo nome è stato affiancato a quello del cardiologo Marco Marini dell'Ospedale di Torrette per la realizzazione di un flussimetro, elemento fondamentale per aiutare la respirazione in pazienti contagiati dal Covid-19. “Conosco il dottor Marini dai tempi dell'università - racconta Nerla - e dopo aver visto il video dei ragazzi di Bergamo che hanno trasformato una maschera da snorkeling del Decathlon in un respiratore, domenica 22 marzo l'ho contattato spiegandogli ciò che facevo e mettendomi a disposizione”.

Cosa vi siete detti? “Ho dato al dottore la mia disponibilità per la progettazione di elementi funzionali alla causa, elementi che possano essere stampati in 3D. Non sapevo nemmeno io cosa potesse servire, ma il dottore mi ha richiamato martedì 24 presentandomi l’idea dell’equipe della Cardiologia di Ancona.”

Parliamo, nello specifico, di un flussimetro. “È un dispositivo capace di miscelare aria e ossigeno regolandone il flusso. Il giorno dopo la richiesta era pronto il primo pezzo, grazie alla ditta Prosilas di Civitanova Marche che ha realizzato con estrema velocità le parti prototipate. Io ho ingegnerizzato il progetto del dottor Marini, progettando elementi da stampare in 3D e curandone la realizzazione dei primi 10 pezzi, che poi sono diventati 11.”

Qual è l'obiettivo? “Dotarsi di un'alternativa ai normali flussimetri certificati, in quanto c’è la possibilità che con il protrarsi dell'emergenza diventino insufficienti ed il tempo di riapprovvigionamento sia troppo lungo. L’attuale progetto è utilizzabile solo da personale esperto in quanto molto sensibile, ma stiamo lavorando per semplificarlo, sviluppando un sistema con le stesse caratteristiche che potrebbe essere messo a disposizione anche delle persone a casa che necessitano di terapie di ventilazione.”

Andrea Braconi

di seguito l'articolo completo

https://www.corrierenews.it/sanita/ventilazione-per-contagiati-covid-19-flussimetri-stampati-in-3d-grazie-al-prototipo-di-un-ingegnere-fermano?fbclid=IwAR3tXSyCqIyRRiGV83rbNgfFFrueFrDjaO45Isz7NRjFDB7yEvdxEQUWbHE